....lo voglio dare in testa a chi non mi va...

Mia madre lo diceva sempre: "Quando sto male io nessuno ci pensa a me!" e confesso che a volte pensavo "' 'mazza che palle, sempre la stessa storia".

Ora che anche io sono mamma e manager di questa piccola impresa che è la mia famiglia, mi rendo conto di quanto sia veramente DIURA! (come dice Simona Ventura).
A parte il fatto che non capisco per quale motivo la probabilità che io mi ammali nello stesso esatto momento in cui sia ammala mia figlia debba essere 100 su 100 ogni santissimo inverno. 
Praticamente nel giro di tre giorni mi crolla tutto addosso perchè non basta essere debilitati fisicamente ma quando poi neanche la notte puoi degnarti di dormire perchè si sa, "naso chiuso di tua figlia più il tuo" è direttamente proporzionale a "notte in bianco", veramente il giorno dopo stai come una pecetta (ndr significato: cerotto, termine dialettale romanesco).
Poi c'è un altro poi: mentre tu stai a casa e pensi "Cacchio quanto sto male, quando torna il Babbo dal lavoro mi butto un pò sul letto", ti rendi conto, al suo ritorno, che mentre lui lavorava tu e i tuoi acciacchi non gli siete passati minimamente per l'anticamera del cervello.
Non solo, appena entra, nonostante tu sia conciata come l'ultima delle zingare, tutaccia smoccicata (non il tuo, di tua figlia), faccia bianca con occhiaie incorporate, capelli che sembrano non vedere un pettine dal natale scorso, neanche gli salta in mente l'idea "oh cavolo, sta male, ora gli chiedo come sta...". Ma neanche per sogno. 

Piuttosto si stiracchia, dice che è stanco e ha bisogno di una doccia. Poi ti ricorda che alle 18 esce per un aperitivo con gli amici e la partita al club. 

Datemi un martello. Il perchè lo sapete.

9 commenti:

  1. gli uomini....sigh...gli uomini!!!!

    RispondiElimina
  2. Curiosità: ma tu, in questi casi, come reagisci? Lo aiuti a vedere quello che non vede, o rosichi in silenzio?

    RispondiElimina
  3. Non sono il tipo che sta zitta,tutt'altro. Sbotto subito e faaccio sentire il mio risentimento. Quando ho provato a rosicare in silenzio gli effetti posticipati sono stati devastanti.
    Nonostante questo non ottengo comunque il risultato sperato.

    RispondiElimina
  4. E 'vero! Credo che questo sia un concetto molto diverso. Pienamente d'accordo con lei.
    Condivido pienamente il suo punto di vista. Buona idea, sono d'accordo con lei.

    RispondiElimina
  5. @Anonimo:in che senso "concetto molto diverso?"

    RispondiElimina
  6. ..mi rivedo un sacco in quello che hai scritto..qualche anno fa... quando eravamo ancora in 2+babyMilla

    ma adesso viviamo da sole e la convalescenza per me è un incubo
    faccio di tutto per non ammalarmi, mi predono anche per matta e fissata
    ma nessuno capisce che se mi ammalo è la fine
    a stare male mi deprimo: esiliano la piccola perchè no si ammali e mi lasciano la..

    uff!

    RispondiElimina
  7. sti uomini....pensano ke sposarsi voglia dire avere la serva x ogni desiderio e se ne fregano se stai male,specie se si ha dei figli nn ti aiutano manco a pagarli...

    RispondiElimina

Ti ringrazio in anticipo per avermi lasciato questo commento!Ciao e ripassa a trovarmi!

Recent Posts

Cerchi altri post?
Clicca su "post più vecchi" alla fine di ogni pagina