Me, Myself and I

80 cm di dolcezza, furbizia e testardaggine. Di questo è fatta la mia piccola peste. Quando mi corre incontro e cerca di scalare in divano per sedersi accanto a me, mi viene in mente che mi sembra ieri quando vedevo i figli degli altri e ne desideravo uno tutto mio.

A volte mi sembra proprio strana la vita.
Fino a pochi anni fa ricevevo educazione e sgridate e dai miei e oggi sono io, proprio io che educo e sgrido il sangue del mio sangue. Io che ho solo 25 anni.
E spesso mi chiedo se faccio bene ciò che faccio, se non sto sbagliando qualcosa, se da mamma amorevole ogni tanto non faccio qualche piaga difficile da curare nel tempo .
Poi mi dico che nessuno è nato genitore, ma che si impara ad esserlo assieme ai propri figli.

Incredibile come noi donne cresciamo in fretta,come siamo pronte a stravolgerci la vita e a prenderci impegni non da poco.

Io per lo meno l'ho sempre fatto.

A 18 anni sono andata a lavorare all'estero facendo due cose per la prima volta: volare e lasciare la mia famiglia per più di una settimana.
A 19 anni l'ho fatto di nuovo, sono andata dall'altra parte del mondo a lavorare (posto paradisiaco diventato poi un inferno post tsunami). Al ritorno ho iniziato un altro lavoro che non avevo mai fatto. Mi sono rimboccata le maniche e ho imparato.
A 21 ho mollato la famiglia e sono andata a convivere: ho cambiato casa, lavoro e città.
A 24 ho concepito mia figlia.

Oggi, a 25 anni (e mezzo) sogno un lavoro che mi realizzi, una casa tutta mia e, perchè no, un'altro figlio (ma se ne parla tra qualche anno, per ora sogno e basta).

Non è per vantare le cose che ho fatto nella mia vita ma è facile cadere nella trappola dei bilanci quando sei sola in casa e tutto ciò di cui avresti avuto bisogno è proprio lì accanto a te che dorme appagata.

3 commenti:

Ti ringrazio in anticipo per avermi lasciato questo commento!Ciao e ripassa a trovarmi!

Recent Posts

Cerchi altri post?
Clicca su "post più vecchi" alla fine di ogni pagina